Acqua del rubinetto? “Imbrocchiamola”

L'iniziativa di Legambiente e Altreconomia

di Marica Fonti

Si chiama “Imbrocchiamola” il progetto promosso da Legambiente e Altreconomia per promuovere l’utilizzo consapevole di acqua del rubinetto piuttosto che quello di acqua minerale, al fine di evitare sprechi di energia e risorse, diminuire la produzione di rifiuti plastici, abbattere le emissioni di anidride carbonica causate dai trasporti delle bottiglie tramite i camion

imbrocchiamola

Si sa, con il caldo aumentano i consumi di acqua e regolarmente si ripropone il quesito: “meglio l’acqua del rubinetto o l’acqua minerale”? A questo punto dilagano i pareri discordanti di chi, documenti alla mano, sostiene la maggior dignità dell’una o dell’altra.

Una cosa è certa: che da statistiche recenti un italiano su tre non si fida dell’acqua che esce dal rubinetto di casa, complice la bravura dei marketers che si occupano delle campagne promozionali delle minerali e che negli ultimi anni sono riusciti ad infondere nell’opinione comune che le caratteristiche organolettiche delle acque minerali siano indubbiamente migliori di quelle delle acque di casa.

Proprio per sfatare questo mito Legambiente, in collaborazione con Altreconomia, ha promosso un progetto particolarissimo per riportare gli italiani ad apprezzare l’acqua del rubinetto, sia a casa che nei luoghi di ristoro.

E non a caso sono oltre 1.500 i ristoranti hanno aderito alla campagna “Imbrocchiamola” proponendo nel menù l’acqua del rubinetto.  Bere acqua del rubinetto, secondo la campagna “Imbrocchiamola”, è una scelta ecosostenibile e che non comporta rischi perché quest’ultima  sarebbe sicura tanto quanto le acque minerali.

A queste finalità se ne aggiunge un’ultima non meno importante: fare in modo che i dati sulla qualità delle acque di rubinetto vengano sistematicamente resi pubblici così da garantire ai cittadini maggiore tranquillità e spingere le amministrazioni pubbliche a fare in modo che venga garantita l’assoluta sicurezza delle acque immesse nella rete idrica.

Va infatti ricordato che le acque del rubinetto:

  • sono prelevate in giornata e controllate 1 volta al mese, differenza delle acque in bottiglia che sono certificate ogni 3/4 anni;
  • hanno un costo ridottissimo: 0,60 Euro ogni 1.000 litri perché non devono sostenere costi promozionali;
  • hanno caratteristiche chimiche equiparabili alle normali acque oligominerali.


Condividi o segnala questo articolo
  • Digg
  • Segnalo
  • Twitter
  • Wikio IT
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • StumbleUpon
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • E-mail this story to a friend!
  • Print this article!
  • Turn this article into a PDF!

Tag:

Lascia un Commento

Scrivi anche tu

Diventa un blogger di Marketing Alimentare: iscriviti subito!







Sondaggio

Escludendo logiche di sconti e politiche tagliaprezzo, quale di queste leve ritieni più importante per aumentare la rotazione di prodotti alimentari da tempo presenti a scaffale nella GDO?

Leggi i risultati
Loading ... Loading ...

Eventi

Periodo: dal 6 al 9 aprile 2014
Luogo: Verona
Evento: VINITALY 2014
Periodo: dal 7 al 9 aprile 2014
Luogo: Parma
Evento: PIZZA WORLD SHOW 2014
Periodo: dal 9 all'11 novembre 2013
Luogo: Merano
Evento: MERANO WINE FESTIVAL 2013
Periodo: dal 5 al 8 maggio 2014
Luogo: Parma
Evento: CIBUS 2014
Periodo: dal 19 al 22 maggio 2013
Luogo: Milano
Evento: TUTTOFOOD
Periodo: Dal 7 al 10 aprile
Luogo: Verona
Evento: A Verona la 47′ edizione di Vinitaly
Periodo: 21-24 febbraio 2010
Luogo: Rimini
Evento: Mia
Periodo: 27 -30 Ottobre 2009
Luogo: Parma
Evento: Cibus Tec 2009
Periodo: 16-17 Ottobre 2009
Luogo: Villa d'Este - Cernobbio (Como)
Evento: Forum internazionale dell’agricoltura e alimentazione
Periodo: 10-14/10/2009
Luogo: Colonia
Evento: Anuga